Cecilia Campolonghi Photography | Milano, arte e cucina solidale
4239
post-template-default,single,single-post,postid-4239,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1400,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Milano, arte e cucina solidale

Milano, arte e cucina solidale

Una piccola ma preziosa mostra che mi sento di consigliare è quella su Sol Lewitt, presso la Fondazione Carriero. Between the Lines, una mostra a cura di Francesco Stocchi e l’architetto Rem Koolhaas.
Si tratta di una mostra in occasione del decennale della scomparsa dell’artista e mette in risalto la stretta relazione delle opere con l’architettura degli spazi della Fondazione, con un allestimento che vuole sovvertire il concetto di site-specific.

La mostra è gratuita.
Altra mostra a Milano è quella su Frida Khalo al Mudec. E’ una bella mostra, io amo lei come artista e come donna. Ho visto diverse sue mostre perchè amo ogni volta rivivere la sua storia d’amore, rivivere attraverso i suoi quadri, il coraggio e la forza con cui ha affrontato la sua vita e i suoi dolori. I suoi quadri non sono perfetti a livello tecnico, ma hanno un’intensità e profondità unica.

Soprattutto il weekend è affollatissima quindi sconsigliata. In ogni caso ricordate (se non volete fare ore di cosa) di prenotare online il vostro biglietto. La storia di Frida, tutti dovrebbero conoscerla. Quindi buona visita 🙂

Non vi ho ancora parlato della bella esperienza fatta al ristorante In Galera. E’ il ristorante che si trova all’interno del Carcere di Bollate, progetto che vede sia in sala che in cucina i detenuti. Nasce come opportunità che creare o ricreare una professione per i carcerati e per dare loro la possibilità, una volta terminata la pena, di un inserimento nel mondo del lavoro.

E’ stata una bellissima occasione per vedere e conoscere un mondo di cui spesso poco si parla. Durante il pranzo siamo stati serviti da un ragazzo che oltre ad averci servito in modo egregio, ci ha raccontato tanto della sua esperienza da quando è recluso. Come vivono, come funziona, cosa fanno per passare il tempo e tutto il corso di riabilitazione e presa coscienza dei propri errori che si fa fin dall’inizio. Abbiamo percepito una grande voglia di riprovarci e di avere una seconda occasione, che sicuramente inizia proprio anche da questo ristorante. 

Quindi chi passa per Milano, super consigliato!

http://www.ingalera.it/

No Comments

Post A Comment